Quello che ancora non sai sull’ orgasmo femminile.

L’organo genitale femminile nasconde una complessità rara, nonostante ciò è noto il ritardo culturale e scientifico con cui deve fare i conti la sessuologia medica femminile. Per una descrizione anatomica macroscopica del clitoride abbiamo atteso il 1998.

L’apparato riproduttivo femminile comprende organi genitali interni ed esterni. Le strutture interne sono contenute nella cavità pelvica e comprendono ovaie, tube uterine, utero e vagina; gli organi esterni comprendono il monte del pube, le grandi e piccole labbra, il clitoride, il vestibolo, il bulbo del vestibolo e le ghiandole vestibolari.

Mentre il modello maschile istologico e anatomico è costante, quello femminile è notevolmente variabile da persona a persona, cerchiamo di capire come attraverso queste tre curiosità:

  • La risposta orgasmica segue la fase di eccitazione ed è caratterizzato da 3-12 contrazioni ritmiche e involontarie dei muscoli perivaginali, perineali e a volte dell’utero. Il numero massimo di orgasmi che la donna può raggiungere sono ad oggi sconosciuti ma sappiamo che molte teorie attribuiscono all’orgasmo femminile una funzione secondaria che forisce il legame di coppia.

Per raggiungere queste contrazioni e quindi l’esperienza orgasmica si disinguono i tipi di stimolazione del clitoride, una diretta e una indiretta, ossia attraverso la penetrazione vaginale, più precisamente stimolando la parete vaginale anteriore (il 26% delle donne raggiungono l’orgasmo con questa stimolazione).

Il clitoride e la parete vaginale anteriore insieme ad altre strutture formano un complesso funzionale dinamico chiamato il complesso clitoro- uretro- vaginale, ossia il punto G.

Le modalità anatomo- funzionali per il raggiungimento dell’orgasmo sono ben lontane dall’ essere univoche e universali, bensì sono caratterizzate dall’individualità, dal ciclo di vita e dai livelli dagli ormoni sessuali.

  • Può capitare che donne a stretto contatto contatto tra loro sincronizzino il ciclo mestruale, questo può dimostrare gli effetti psicologici dei feromoni sulla nostra specie.

Questo processo è guidato da uno o più composti volatili prodotti da ghiandole localizzate nelle ascelle. In particolare, feromoni prodotti da donne in fase follicolare tardiva accellerano l’insorgenza del picco di ormone luteinizzante, quindi l’ovulazione, accorciando la durata del ciclo. Invece feromoni prodotti da donne in fase ovulatoria rallentano l’insorgenza del picco Lh e quindi l’ovulazione, prolungando la durata del ciclo.

  • L’eiaculazione femminile è definita come una risposta sessuale fisiologica e comporta l’espulsione, durante l’orgasmo, di differenti quantità di fluido che possono originare o dalla vescica (il cosidetto squirting) o dalla prostata femminile, le ghiandole di Skene (l’eiaculato femminile) o entrambe.

Lo squirting è un’ espulsione orgasmica di un liquido acquoso incolore e inodore, l’eiaculato delle ghiandole Skene è una piccola quantità di fluido biancastro.

Ricordate.. occorrono più di 200 muscoli per fingere l’orgasmo, meno di 20 per dire “il clitoride è qui”!