Infezioni sessuali: come si contraggono e come riconoscerle.

I dati dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità parlano di 376 milioni di nuovi casi all’anno, circa 1 milione al giorno.

La fascia di età colpita è tra i 15 e i 49 anni, questi dati riguardano principalmente quattro infezioni: clamidia, sifilide, gonorrea e tricomaniosi. In questo rapporto non vengono stimate HIV e Papilloma Virus.

Le infezioni sessuali hanno un impatto importante sulla salute se non sono trattate adeguatamente, potrebbero anche causare problemi cardiovascolari e infertilità.

Oggi giorno è possibile avere pratiche sessuali sicure con l’uso di preservativo sia maschile che femminile. Le IST si trasmettono con ogni tipo di rapporto quindi il preservativo va usato per rapporti vaginali, anali ma anche orali. La trasmissione può accadere anche con lo scambio di giochi erotici. Il contagio può avvenire tramite secrezioni vaginali o spermatiche, tramite la saliva o con il contatto diretto della pelle nella zona genitale, a volte anche tramite il sangue e durante la gravidanza da mamma a bambino.

Ancora una volta torno a ripetere che è fondamentale un’adeguata educazione sessuale, necessaria anche per interpretare i sintomi che possono andare dal bruciore genitale all’insorgenza di verruche. Nello specifico:

  • Sifilide: si trasmette soprattutto per contatto di ferite e ulcere localizzate nella zona genitale, anale e orale. Il primo sintomi è una singola ferita, il sifiloma, questa ferita rapidamente si ulcera. Queste ferite possono presentarsi sia nei genitali esterni che interni, anche la cavità orale può essere colpita. Più avanti si presenteranno esantemi e perdita di peso. Se non curata la sifilide può presentare sintomi al sistema nervoso anche 30 anni dopo l’acquisizione.
  • Tricomaniosi: la trasmissione è per contatto diretto dei genitali, indipendentemente dalla penetrazione, l’infezione si presenta con secrezioni maleodoranti, bruciori e pruriti. Co la tricomaniosi vaginale aumenta il rischio di contrarre l’HIV.
  • Clamidia: si presenta maggiormente nelle giovani ragazze, per il loro sviluppo anatomico . Uno dei primi sintomi è una lesione (papula) che si presenta 3-30 giorni dopo il contagio, localizzata a livello uro-genitale. Il secondo stadio colpisce i linfonodi causando spesso febbri.
  • Gonorrea: il batterio per crescere ha bisogno di zone calde e umide, quindi si trasmette con rapporti anali, vaginali e orali non protetti. L’infezione può presentarsi anche a livello di gola e occhi. I primi sintomi sono un’ uretrite acuta per l’uomo e cervicite o vaginite per la donna.

Il mio consiglio è di andare dalla ginecologa o dall’urologo in caso si riscontrassero questi sintomi.

Woody Allen scrisse <Il sesso è sporco solo se è fatto bene>, mettiamocelo in testa.

Sesso & Salute: 7 motivi per cui fare sesso allunga la vita.

Il sesso è importante non solo per la sopravvivenza fisica della razza umana, ma anche per la sorpavvivenza degli individui. È una parte naturale dell’essere vivi: migliora l’umore, il tono della pelle e ci fa sentire appagati e felici.

Scopriamo perchè fare sesso con regolarità è il segreto di una vita longeva e felice:

  1. fare sesso fa consumare calorie, quindi è un ottimo modo per perdere peso.  Baciando chi amiamo possiamo arrivare a consumare fino a oltre 20 calorie, e addirittura un’ora di baci appassionati può farci superare l’equivalente di un etto e mezzo di pasta. Avere un incontro intimo in una posizione tradizionale per circa un’ora brucia quanto 30 minuti di corsa e ci aiuta ad abbattere i livelli di colesterolo cattivo, quindi ci mette al riparo dal rischio di malattie cardiovascolari. Ma se vogliamo migliorare i risultati occorre mettere in gioco un po’ di fantasia: più la posizione è scomoda migliore è il risultato dietetico.
  2. Gli uomini preferirebbero far l’amore al mattino, perché i loro livelli di testosterone sono più alti. Le donne, invece, sono più inibite probabilmente perchè nella propria testa scorre già l’elenco degli impegni della giornata, d’altronde il desiderio sessuale è strettamente correlato allo stato di rilassamento. Eppure, svegliarsi con coccole e orgasmi ti rende felice. A dirlo è una ricerca dell’Oregon State University: il piacere orgasmico ha un effetto energezzinate, poichè stimola l’attività cerebrale e i sensi, fare sesso al mattino ti rende ottimista, non solo per le sostanze endogene che attiva, ma anche perché influenza positivamente l’autostima, scaccia l’ansia e la depressione. Questo consentirà di avere una migliore resa lavorativa e di sentirsi appagati nella coppia. Il contatto fisico riduce i livelli di cortisolo, cioè l’ormone dello stress cronico, e aumenta i livelli di ossitocina, provocando un senso di calma, questo aiuterà ad appianare le varie discussioni del giorno prima!
  3. Il sesso in oltre è un antiage naturale: durante un rapporto intimo vengono sprigionati ormoni che aiutano a migliorare la circolazione sanguigna, irrorano i vasi e perciò mantengono vivi e tonici i nostri tessuti. I capelli saranno più forti e la pelle più tonica grazie ai livelli di estrogeni in circolo.
  4. Il sesso rafforza il sistema immunitario, studi scientifici effettuati presso la Wilkes University in Pennsylvania, hanno concluso che le persone che fanno spesso l’amore hanno maggiori quantità di immunoglobuline A, ossia gli anticorpi che proteggono dai virus. L’ orgasmo migliora del 20% lefficacia delle cellule immunitarie.
  5. Come abbiamo già visto in un precedente articolo, il sollievo sessuale aiuta a dormire grazie all’innalzamento di ossitocina ed endorfine.
  6. Un gruppo di ricercatori della Queen’s University di Belfast, nel 2001, scoprì che avere rapporti tre volte alla settimana dimezza il rischio di infarto o ictus.
  7. Le donne che hanno orgasmi regolari presentano una soglia del dolore piu alta, graze alla produzione di estrogeni, endorfine e corticosteroidei. La scusa del mal di testa è ormai fuori moda! Il sesso allevia anche il dolore causato da emicrania e il dolore mestruale.

“Il sesso… che cos’altro è gratis e divertente, ti far fare ginnastica e non fa ingrassare?”

                                                                                                                (Cit. dott.ssa B. Wilson)

Dott.ssa Silvia Corrent