Infezioni sessuali: come si contraggono e come riconoscerle.

I dati dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità parlano di 376 milioni di nuovi casi all’anno, circa 1 milione al giorno.

La fascia di età colpita è tra i 15 e i 49 anni, questi dati riguardano principalmente quattro infezioni: clamidia, sifilide, gonorrea e tricomaniosi. In questo rapporto non vengono stimate HIV e Papilloma Virus.

Le infezioni sessuali hanno un impatto importante sulla salute se non sono trattate adeguatamente, potrebbero anche causare problemi cardiovascolari e infertilità.

Oggi giorno è possibile avere pratiche sessuali sicure con l’uso di preservativo sia maschile che femminile. Le IST si trasmettono con ogni tipo di rapporto quindi il preservativo va usato per rapporti vaginali, anali ma anche orali. La trasmissione può accadere anche con lo scambio di giochi erotici. Il contagio può avvenire tramite secrezioni vaginali o spermatiche, tramite la saliva o con il contatto diretto della pelle nella zona genitale, a volte anche tramite il sangue e durante la gravidanza da mamma a bambino.

Ancora una volta torno a ripetere che è fondamentale un’adeguata educazione sessuale, necessaria anche per interpretare i sintomi che possono andare dal bruciore genitale all’insorgenza di verruche. Nello specifico:

  • Sifilide: si trasmette soprattutto per contatto di ferite e ulcere localizzate nella zona genitale, anale e orale. Il primo sintomi è una singola ferita, il sifiloma, questa ferita rapidamente si ulcera. Queste ferite possono presentarsi sia nei genitali esterni che interni, anche la cavità orale può essere colpita. Più avanti si presenteranno esantemi e perdita di peso. Se non curata la sifilide può presentare sintomi al sistema nervoso anche 30 anni dopo l’acquisizione.
  • Tricomaniosi: la trasmissione è per contatto diretto dei genitali, indipendentemente dalla penetrazione, l’infezione si presenta con secrezioni maleodoranti, bruciori e pruriti. Co la tricomaniosi vaginale aumenta il rischio di contrarre l’HIV.
  • Clamidia: si presenta maggiormente nelle giovani ragazze, per il loro sviluppo anatomico . Uno dei primi sintomi è una lesione (papula) che si presenta 3-30 giorni dopo il contagio, localizzata a livello uro-genitale. Il secondo stadio colpisce i linfonodi causando spesso febbri.
  • Gonorrea: il batterio per crescere ha bisogno di zone calde e umide, quindi si trasmette con rapporti anali, vaginali e orali non protetti. L’infezione può presentarsi anche a livello di gola e occhi. I primi sintomi sono un’ uretrite acuta per l’uomo e cervicite o vaginite per la donna.

Il mio consiglio è di andare dalla ginecologa o dall’urologo in caso si riscontrassero questi sintomi.

Woody Allen scrisse <Il sesso è sporco solo se è fatto bene>, mettiamocelo in testa.

Revenge porn: quando l’intimità diventa pubblica.

Oggi sono stata ospite di Radio Rock, abbiamo parlato del Revenge Porn. Sintetizziamo alcuni aspetti emersi.

La scorsa settimana è arrivato il via dalla Camera all’emendamento del Revenge Porn, ossia la diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, senza consenso delle persone riprese. L’art. 612- ter c.p. stabilisce sanzioni che prevedono reclusione da 1 a 6 anni e multe che vanno da 5mila e 15mila euro. Tutela maggiore è stata riservata a persone in condizioni di inferiorità fisica e psicologica e alle donne in gravidanza. Un aggravante è se queste azioni sono commesse da una persona che è o è stata sentimentalmente coinvolta con la vittima. Quest’emandamento rientra nell’ambito dell’esame del disegno di legge “Codice Rosso”, il quale prevede modifiche al codice penale e al codice di procedura penale in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

Tutto ciò rappresenta una vittoria ma sottintende anche un paio di riflessioni:

Innanzitutto l’Italia non è al passo con le norme europee e mondiali, nelle Filippine si è regolamentato l’invio di materiale sessualmente espicito nel 2009.

Bisognerebbe anche riflettere sull’impatto che la tecnologia ha nelle nostre relazioni. Il ricatto forse è storia vecchia ma l’irrimediabile violenza che ne consegue è un fenomeno nuovo.

Facciamo un salto indietro, come si arriva ad avere del materiale sessualmente esplicito sul proprio telefono?

1) Per molte coppie è eccitante fare sesso davanti ad uno specchio o davanti la telecamera, ed è così perchè in un solo gesto si mette insieme l’eccitazione provocata da immagini sessuali (di fatto quando si guarda un film porno con sconosciuti la cosa più eccitante non è lui, lei, gli altri, ma il gesto sessuale), l’attrazione per il o la partner e l’autoerotismo. In ognuno di noi c’è un pizzico di esibizionismo. Tutto ciò può essere sano se è una scelta condivisa con serenità.

2) A volte si viene trascinati e convinti a girare video o a spedire messaggi espliciti, dalle rassicurazione dell’altro che più ci si spinge oltre meno si ha il rischio di essere abbandonati.

3) Negli ultimi anni si è parlato molto di Sexting, termine che indica uno scambio di materiale che sia di testo, video, foto, sessualmente espliciti su dispositivi mobili. Il sexting può essere primario, quindi è il/la protagonista del materiale inviato a divulgarlo, o secondario se è il destinatario dell’invio a diffonderlo a terzi.

Allieta separazioni molto lunghe, aiuta a far aumentare il desiderio o l’eccitazione, tramite il rischio si ricerca la propria indipendenza, senza dubbio il distacco fisico aiuta a sperimentarsi in qualcosa che non faremmo nella realtà. Gli ambienti online favoriscono la disinibizione perchè si ha una percezione non reale di anonimato. Ma tutto questo compora il mettersi, letteralmente, nelle mani dell’altro. Un’altra persona che per molteplici motivi, come ad esempio per scherzo o per vantarsi può mostrare ad altri questo materiale.

Nei peggiori dei casi, purtoppo nella maggioranza dei casi, il materiale lo si usa per ricattare la persona ripresa o per vendicarsi. Citerò solo un nome che forse tutti ricorderemo: Tiziana Cantone che si tolse la vita nel 2016 dopo che alcuni suoi video hard diventano virali nel web. Prima di arrivare ad un processo a carico del suo ex- compagno sono stati archiviati due processi, uno per diffamazione e uno per instigazione al suicidio. Siamo al paradosso definitivo. Abbiamo i tempi di internet, che in 24 ore possono distruggere una persona. Abbiamo i tempi della giustizia italiana, inadeguati anche con provvedimenti d’urgenza.

Ricorderemo anche il caso di Belen Rodriguez ricattata per la somma di 500mila euro, il video fece il giro del Wold Wide Web. Anche filmati che riprendevano la deputata del M5S Giulia Sarti, sono stati diffusi dall’ex- partner

Oggi l’initmità non è più un fatto privato, non solo è condivisibile ma lo è in maniera infinitamente semplice.

Avremmo tutti bisogno di qualche ora di educazione sessuale e affettiva, dove si impara il rispetto dell’altro e la comprensione delle conseguenze di un gesto come pubblicare qualcosa di così intimo.

Se ricevete messaggi di questo genere, non solo dovreste interrompere la catena ma anche denunciare.

 

 

Sessualità nelle Donne: tra diritti e piacere.

Einstain si descrisse dicendo “Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso“; la curiosità si declina in tutti gli ambiti dell’agire umano in quanto voglia di sperimentare sensazioni nuove, di conoscere. Anche nell’ambito sessuale ogni individuo dovrebbe essere spinto dal naturale desiderio di desiderare, ma per troppo tempo la sessualità è stata un tabù, quella femminile in particolare. Il piacere sessuale femminile non era considerato necessario perchè non indispensabile per la procreazione. Le componenti psicologiche e relazionali nella sessualità sono ad esclusiva del genere umano, solo dagli anni ‘60 un concetto alla portata delle donne.

Le ragioni che ci spingono all’ atto sessuale includono il desiderio di condivisione e amore, il piacere fisico, e la volontà di aumentare il proprio benessere attraverso stimoli appropriati. Tutto ciò viene mediato da fattori biologici e psicologici presenti in quel momento. Il desiderio permette all’ eccitazione di intensificarsi e la soddisfazione sessuale (con o senza orgasmo) diviene un feedback positivo che crea a sua volta la motivazione alla base di una predisposizione positiva alla responsività agli stimoli sessuali per la volta successiva.

Molte donne iniziano un rapporto sessuale per soddisfare il partner, o per procreare vivendo queste scelte come “normale”. Il benessere sessuale è un diritto e rientra nella dimensione di salute. Oggi la terapia sessuologica, integrata a terapie mediche, nei casi in cui si rendono necessarie, offre un’alternativa alla sessualità come esperienza accidentale dell’esistenza.

L’obiettivo di una buona consulenza sessuologica, in questo caso, è quella di identificare le cause legate al calo del desiderio e collaborare con la donna, o con la coppia, al fine di mettere in moto un circolo virtuoso in cui la corretta educazione sessuale e affettiva e la manifestazione del desiderio daranno vita a stimuli adeguati al soddisfacimento dell’individuo.

Dott.ssa Silvia Corrent